Poesia smarrita

Ho smarrito la poesia scritta per te

non la ritrovo più

e non ne ricordo i versi.

 

Parlava dei nostri schianti

sui campi di girasole

lungo le consolari battute dalle puttane.

 

Raccontava degli operai che fischiavano il tuo passare

delle scritte che lasciavi sui muri dei ricordi

di come sfondavi i cieli che coprivano i nostri corpi.

 

C’erano metafore

sulle lacrime versate

sui nostri falsi niente

sulle speranze atterrite.

 

Ho perso quei versi su quelle sigarette

che fumavi per rimorchiare all’uscita dei locali

e che gettavi ovunque come uno sbandato Pollicino.

 

E parlavo di come Dio c’era senza esistere

di come t’amavo senza volerti

di come nuotavo nel petrolio della gelosia

di come fuggivo inutilmente

dal tuo cuore fiammeggiante.

 

Le mie parole

fatte versi

erano schierate come spermini:

in miliardi di sillabe

puntavano verso te.

 

In un’unica poesia

erano coreografia.

Un’erotica danza.

Annunci

Un commento su “Poesia smarrita”

  1. mi piace molto, è carica di suggestioni. bentornato, era ora.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: