Cara Roma

Di: Riccardo D'Argento

nov 10 AM

Tag:, , , , , , ,

Categoria: Poesie abbandonate sull'autostrada

Lascia un commento

Apertura:f/2.4
Lunghezza focale:4.28mm
ISO:100
Otturatore:1/20 s
Fotocamera:iPhone 4S

Cara Roma,

capitale di zingari e coatti,

stuprata dai tuoi stessi figli,

liberaci dall’idiozia che regna sovrana sul campidoglio,

un tempo scranno d’un nostalgico barese e ora tempio d’un tonto genovese.

 

Cara Roma,

abbi pietà di noi,

trasforma il GRA in alte mura,

rendi invalicabili i tuoi confini,

cosicché nessuno possa entrare né fuggire.

 

E poi ridacce Nerone!

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 30 follower